Lingua
Frontaufnahme des Unternehmensgebäude von LiCON
Profilo Aziendale

Guidati dalla Tecnologia

Da oltre 50 anni siamo sinonimo di sviluppo ingegneristico e produzione dalla Germania per il mondo. La nostra tradizione sveva e il nostro spirito di innovazione globale ci hanno reso ciò che siamo oggi: leader tecnologico per i centri di lavoro modulari.

Guidati dalla tecnologia

Portiamo l´innnovazione in serie.

LiCON è un produttore globale di centri di lavoro CNC a uno, due e quattro mandrini per la lavorazione meccanica in serie di componenti complessi. In qualità di leader tecnologico, sviluppiamo e produciamo soluzioni di sistema altamente efficienti dalle singole macchine alle linee di produzione completamente automatizzate presso la nostra sede centrale a Laupheim vicino a Ulm.

Da piú di 50 anni

La nostra storia

Da LiCON, la tradizione sveva incontra lo spirito innovativo globale. Scopri la storia dietro l'azienda LiCON.

Georg Lindenmaier il padre fondatore

La prima pietra é posata

1930
Historische Aufnahme des Unternehmens LiCON aus dem Jahr 1930

Negli anni '30, Georg Lindenmaier ha posto le origini dell'omonima azienda con un focus sulla produzione di parti metalliche in serie.

Il secondo pilastro.

Inizia la produzione di macchine utensili.

1960
Historische Aufnahme des Unternehmens LiCON aus dem Jahr 1960

Negli anni '60 si aggiunse come secondo pilastro la produzione di macchine utensili. A causa della morte prematura dei due figli Erich e Rudolf Karl, l'azienda passò direttamente a Walter Lindenmaier.

Nuova direzione strategica

I centri di lavoro prendono rilevanza

1995
Historische Aufnahme des Unternehmens LiCON aus dem Jahr 1995

Fino al 1995, entrambe le aree di attività erano riunite in Lindenmaier AG. Nello stesso anno, la produzione di macchine utensili è stata venduta da Lindenmaier AG e da allora è stata scambiata come Lindenmaier Maschinenbau GmbH & Co. KG.

Innovazione in Serie

La gamma di prodotti viene continuamente ampliata.

2004

Dal 1° luglio 2004 l'azienda si chiama Licon mt GmbH & Co. KG. La gestione è sotto la direzione di Winfried Benz. Nel corso degli anni, la gamma di prodotti è stata notevolmente ampliata.

LiCON da sempre Fucina di Idee

Viene construito un nuovo edificio aziendale.

2008
LiCON Firmengebäude in Laupheim bei Ulm

Nel 2008 l'azienda si è trasferita nel nuovo edificio aziendale in Im Rißtal 1 a 88471 Laupheim.

5 Domande al Sig. Benz, Direttore Generale

1° Domanda

Le rinomate fiere del settore mostrano un'ampia gamma di macchine utensili provenienti dall'Europa e sempre più anche dall'Asia. In che modo l'offerta Licon è diversa da questi fornitori?

Il nostro cliente tipo cerca un sistema produttivo che gli offra i massimi vantaggi economici. Si tratta solitamente di componenti complessi e di alta precisione che devono essere lavorati. Il cliente tende spesso a voler utilizzare dapprima il "concetto standard" di successo: monomandrino, 4 assi, più posizioni di bloccaggio, attrezzature multiple con un numero corrispondentemente maggiore di posizioni di bloccaggio, caricamento manuale, lavorazione con refrigerante. A un esame più attento, i fattori di costo come l'investimento in macchine, lo spazio dei capannoni, l'energia, il personale e, non ultimi, i costi per la garanzia della qualità e gli utensili da taglio, spingono il cliente a discutere con noi concetti di produzione alternativi. Alla fine, decide il nostro "pacchetto tecnologico totale", che convince i nostri clienti.

5 Domande al Sig. Benz, Direttore Generale

2° Domanda

Oltre alle soluzioni monomandrino, ci sono altri operatori di mercato che offrono soluzioni bimandrino. Allora perché LiCON?

I tempi in cui il principio applicato nella progettazione delle macchine, soprattutto in Germania, "l´eccesso aiuta molto" sono ormai lontani. I costruttori tedeschi di macchine utensili dispongono di strumenti di sviluppo moderni che combinano criteri concorrenti come "stabilità e longevità". Allo stesso tempo, offrono "elevata rigidità dinamica e costi di produzione competitivi". Vediamo ancora differenze nelle prestazioni di base delle macchine tra i costruttori di macchine utensili europei. Ma questi non dovrebbero fare una grande differenza. A nostro avviso, la scelta della soluzione migliore risulta dalla "precisa composizione della soluzione complessiva". Nella lotta per la selezione della variante più economica del parco macchine, riteniamo che debbano essere presi in considerazione criteri sempre più individuali.

5 Domande al Sig. Benz, Direttore Generale

3° Domanda

LiCON si è occupata fin dall'inizio della lubrificazione minima (MQL) come alternativa a alta pressione interna. Qual è la sua esperienza in materia?

Attraverso i nostri progetti con le case automobilistiche, abbiamo già affrontato intensamente questo argomento 15 anni fa. Attualmente stiamo realizzando circa il 50% dei nostri progetti con MQL. Oltre all'acciaio forgiato, all'alluminio e alla ghisa grigia, le nostre macchine lavorano con successo anche componenti in magnesio e acciaio inossidabile con MQL e talvolta anche completamente a secco senza l'aggiunta di olio. Fondamentalmente, siamo aperti a entrambe le modalità, adduzione interna e MQL. Dal nostro punto di vista, il vantaggio spesso citato del refrigerante, la migliore consistenza termica nel processo, è solo parzialmente corretto. Basti pensare a situazioni in cui grandi fluttuazioni di temperatura influenzano la macchina e il pezzo nel corso della giornata di produzione. Anche la lubrorefrigerazione temperata non può compensare queste fluttuazioni. Con MQL in combinazione con la nostra compensazione algoritmica automatica, otteniamo risultati significativamente migliori in termini di coerenza dimensionale sui componenti da lavorare.

5 Domande al Sig. Benz, Direttore Generale

4° Domanda

Che ruolo gioca la digitalizzazione?

Le domande e gli spunti in proposito sono molteplici. A titolo di esempio vengono citate le interazioni tra il mandrino di lavoro, le geometrie del tagliente selezionate e i parametri di taglio degli utensili utilizzati e i concetti di bloccaggio per la lavorazione dei componenti. Per ottenere risultati di lavorazione ottimali, gli operatori applicano ancora spesso il principio "trial & error". I nostri sforzi di sviluppo in quest'area stanno mostrando un successo immediato. In questo modo siamo riusciti a ridurre sensibilmente i tempi ciclo e allo stesso tempo abbassare i costi di consumo degli utensili. Questo può fare la differenza nei singoli casi per quanto riguarda la produzione di profitti o perdite. Naturalmente, utilizziamo anche le tecnologie che ora sono standard, come la diagnostica remota per e sulla manutenzione preventiva.

5 Domande al Sig. Benz, Direttore Generale

5° Domanda

In che modo il tanto discusso cambiamento nell'industria automobilistica influisce su Licon e quindi sull'ulteriore direzione strategica dell'azienda?

La discussione ruota principalmente attorno al futuro del motore a combustione interna. Tradizionalmente, le nostre soluzioni di lavorazione sono state utilizzate relativamente poco per la lavorazione meccanica di componenti per il motore a combustione. Il nostro focus era ed è nelle aree del telaio, dello sterzo e dei componenti strutturali. In queste aree assistiamo a un numero elevato e sostenuto di nuovi progetti, anche per auto elettriche. Anche le scatole trasmissione in ghisa di alta precisione sono un punto focale. Inoltre, il nostro intenso lavoro di innovazione negli ultimi anni ci ha portato nuovi clienti interessanti al di fuori dell'industria automobilistica. Stiamo assistendo a continui aumenti in questo settore.